Nella puntata di Quarto Grado andata in onda venerdì 15 gennaio i conduttori Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero hanno affrontato e discusso con diversi ospiti e specialisti i più importanti casi di cronaca nera dell’ultimo anno. Sono stati approfonditi e analizzati nel dettaglio i casi di Lidia Macchi, Marco Vannini, Mario Bozzoli, Teresa e Trifone.

Proprio su quest’ultimo fatto di cronaca nera, l’omicidio di Trifone Ragone e Teresa Costanza, è intervenuto il nostro CEO Matteo Flora, presente in studio.
Ancora una volta The Fool, attiva nella gestione della Computer Forensics e la cui competenza è stata riscontrata in decine di casi anche a livello internazionale, è stata invitata alla più seguita trasmissione televisiva Italiana di cronaca nera per fornire la propria esperienza nel comprendere i delicati aspetti tecnici relativi ai più scottanti casi che dividono l’opinione pubblica.

In particolare in questo caso Matteo Flora è stato chiamato ad esprimersi sulla possibilità di identificare il soggetto responsabile dell’apertura del profilo Facebook dal quale partivano i messaggi che avvisavano Teresa Costanza del “tradimento” del fidanzato.
Come ha sottolineato lo stesso CEO di The Fool, però, per farlo serviranno delle rogatorie internazionali attraverso le quali chiedere a Facebook di accedere ai dati. A complicare tale procedura il fatto che ogni piattaforma ha diversi obblighi di data retention (conservazione dei log) a seconda della giurisdizione del Paese in cui avviene la richiesta.

È possibile recuperare la puntata in streaming sulla piattaforma on demand di Mediaset a questo link.

Condividi l'articolo: