Nel numero di marzo di Pubblicità Italia esploriamo il lato web delle maggiori testate maschili e femminili. Per stilare la classifica è stata presa in considerazione una rosa di fan page ufficiali delle riviste edite da Condé Nast, Mondadori, Hearst e Rcs (raggruppate sotto la fan page di Leiweb) ed è stata creata una top 10 delle prime dieci per engagement.

Troviamo in questa classifica una disposizione delle pagine tale per cui le fan page di Conde Nast Hearst si alternano nelle prime posizioni, mentre quelle di Mondadori occupano le successive.
Al primo posto troviamo Vanity Fair che si aggiudica la vetta per MII, visto il numero di fan e di like. La fan page ha dunque un buon engagement indiretto; meno buona la performance per MCI che la vede al quarto posto.
Cosmopolitan ha il maggior numero di like dopo Vanity Fair e Donna Moderna, terzo per MII non ottiene lo stesso risultato per engagement diretto: cioè può dipendere al fatto che un buon numero di fan e like siano attribuibili alla fama della testata e non sia altrettanto scontato un coinvolgimento diretto.

Certo è da farsi un altro distinguo sulla base dei due tipi di engagement: dai numeri pare infatti emergere che gli utenti delle riviste maschili siano più fidelizzati di quelli delle riviste femminili.
GQ è primo con 14 mila fan e tiene su entrambi i fronti dell’engagement. Wired  – un po’ più debole sul fronte dell’MII – segue in seconda, Men’s Health tiene bene a metà classifica. Il più specializzato Jack sembra avere i proseliti più coinvolti, e – particolarità – non conta nemmeno una donna tra i suoi commentatori nel mese di gennaio.

Per cui sul web il lifestyle maschile coinvolge di più di quello femminile, che forse guarda più alla copertina del numero dei fan che non alla sostanza dell’engagement. Dovrebbero trovare il modo di conciliare l’anima offline di indubbio successo con quella online.

Per gentile concessione di Pubblicità Italia – clicca qui –

Conversation Flow Insights™: fornisce ai proprietari delle fan page dei KPI univoci dell’engagement. KPI evolute come MII (valore dei fan) e MCI (valore delle interazioni) permettono di definire indici di performance che prescindono dal numero di fan: engagement partecipativo diretto e indiretto.Questi indici restituiscono, rispettivamente, le dinamiche di conversazione in MII e di partecipazione in MCI. (Key Performance Index elaborati da fanpage individuate attraverso i link presenti sui siti ufficiali).

NOTA: 

KPI elaborati da fan page individuate attraverso i link presenti sui siti ufficiali. 

KPI: Key Performance Index.

Mean Interactions Index. Formula: [(posts+comments+likes) / fans * 1000] nel singolo mese.

Mean Comments Index. Formula: [(posts+comments) / fans * 1000] nel singolo mese. 

Condividi l'articolo: