<<Un personaggio che non fa mai errori e si comporta sempre in modo impeccabile non è affatto interessante.>> – Stan Lee 

 

Il 12 Novembre 2018 sarà ricordato come un triste giorno dagli appassionati di fumetti di tutto il mondo, in particolare dai fan dei supereroi. La notizia della morte di Stan Lee, al secolo Stanley Martin Lieber, papà della famosa Marvel e co-creatore di alcuni degli eroi più famosi del mondo come Spider Man, Capitan America, Thor, Hulk ed Iron Man, ha rapidamente fatto il giro della rete e, di conseguenza, del globo. La notizia è stata fra le più discusse sul web, complici tanto il rilancio fatto dai principali siti di news quanto le libere espressioni dei moltissimi fan del sorridente Stan che sui propri account social hanno commentato la notizia.

A qualche giorno di distanza, e con l’aiuto della piattaforma di Web Listening Crimson Hexagon, abbiamo analizzato le conversazioni pubbliche registrate in rete per meglio comprendere la portata e le reazioni degli utenti in merito alla notizia.

 

Tra Lunedì 12 e Mercoledì 14 Novembre abbiamo rilevato oltre 8.3 milioni di contenuti online, con un picco tra le 20.00 e le 21.00 del Lunedì, ovvero il momento di maggior diffusione della notizia. Twitter ha rappresentato la fonte predominante di risultati (ben l’82% rispetto al totale), in particolare grazie all’attività generata negli USA (43%) dove le testate TMZ e The Hollywood Reporter sono state le prime a “cinguettare” per dare l’annuncio della scomparsa di Lee.

Gettando uno sguardo alle altre fonti, al secondo posto abbiamo trovato Tumblr (9%) ed Instagram (6%), dove si sono moltiplicati i contenuti grafici (video, gif, immagini) dedicati al compianto Stan. Subito fuori dal podio si è piazzato YouTube (2%), grazie ai video dei Media e degli YouTuber che hanno voluto dire la loro in merito.

Concentrandoci su Twitter abbiamo visto diversi interventi da parte di noti personaggi del mondo dello spettacolo (del cinema in particolare), ma non solo. Il contenuto più retwittato (quasi 290mila RT) è stato quello di Chris Evans, l’attore che ha impersonato Capitan America sul grande schermo nei film del Marvel Cinematic Universe, il quale ha dedicato un accorato saluto al papà della “Casa delle Idee” sottolineando la grandezza del suo lascito. Da segnalare, poi, anche i tweet dell’attore e regista Seth Rogen con oltre 102mila retweet, quello dell’imprenditore e CEO di Tesla Elon Musk con 93mila retweet e quello del rapper Travis Scott con 90mila retweet circa. In generale, all’interno dei tweet abbiamo rilevato un iniziale filone legato ad espressioni di tristezza per la scomparsa di Stan Lee, evolutesi in un secondo momento verso sentimenti di gratitudine per la capacità che ha avuto d’ispirare ed intrattenere attraverso le sue idee e le sue intuizioni intere generazioni di giovani.

Nell’immagine sottostante ve ne riportiamo anche altri particolarmente esplicativi: 

 

 

Tra gli hashtag più usati, come era lecito aspettarsi, spiccano i generici #StanLee e #RIPStanLee, tuttavia il più interessante è stato sicuramente #Excelsior; il termine, uno dei tanti coniati dallo sceneggiatore e diventati dei veri e propri modi di dire della storia Marvel, è stato utilizzato da diversi utenti per dare l’ultimo saluto a Lee: “verso e oltre una gloria più grande”.

 

Ed in Italia? Nel summenzionato arco temporale sono stati registrati 38.500 contenuti con una distribuzione per fonti simile a quella generale, ma meno orientata verso Twitter, il cui peso è risultato essere “soltanto” del 62%, contro il 23% di Instagram ed il 10% di Tumblr. All’interno dei tweet in lingua italiana emerge maggiormente la componente legata alla tristezza per la perdita di un grande autore della scena fumettistica internazionale. Ne è un esempio il contenuto più retwittato dell’utente @rainingcaffeine che guarda al futuro con un velo di nostalgia e che riporta:

 

Se hai trovato interessanti i nostri insight e vuoi saperne di più sui nostri servizi di Web Listening ed Analisi Reputazionale contattaci!

Condividi l'articolo: