Un brutto fatto di cronaca nell’era del web 2.0 che tutto celebra e tutto distrugge diventa, suo malgrado, il primo vero viral del 2012. Il capitano della Costa Concordia Francesco Schettino di fronte alla tragedia che ha coinvolto il suo equipaggio e i suoi passeggeri ha abbandonato la nave.

L’altro protagonista involontario di questa vicenda è il capitano De Falco e la sua telefonata a Schettino. La frase ad effetto di De Falco è diventata un motto, un motto di quell’Italia che ha voglia di fare, che vuole andare avanti e che vuole cambiare e diventare una fonte di ispirazione. Per questo il “Vada a bordo, cazzo” è diventato su Twitter anche un HashTag, in più versioni: #vadaabordocazzo o #salgaabordocazzoSegno che siamo un’Italia che sprona se stessa a fare di meglio, a spingersi ciascuno per il suo un po’ più avanti e un po’ più verso un Paese diverso e responsabile. E noi, quasi per gioco, l’abbiamo usata come suoneria e la vogliamo condividere con voi.
Senza alcuno scopo promozionale, ma solo ed esclusivamente per essere anche noi parte del coro che non dice il “Vada a bordo cazzo!” a Schettino, ma a noi stessi ogni volta che il telefono suona, come continuo monito e, perché no, continuo invito a fare di più e meglio.

CLICCATE SULLE ICONE PER SCARICARE LA SUONERIA CHE PREFERITE



Condividi l'articolo: